Tutti i sintomi dell’ARFID, il disturbo evitante/restrittivo (detto anche selettività alimentare) che colpisce adulti e bambini. 


L’ARFID: un problema da non sottovalutare

Prima di conoscere i sintomi dell’ARFID è importante ricordare che il disturbo evitante/restrittivo (o anche detto alimentazione selettiva) dell’assunzione di cibo può causare gravi complicazioni che richiedono cure mediche.

Consulta subito il medico di tuo figlio se mostra uno dei segni o sintomi descritti di seguito, oppure scrivimi immediatamente se sei tu ad esserne colpito.


Tutti i sintomi dell’ARFID

Qui di seguito puoi trovare tutti i sintomi psicologici e fisici della selettività alimentare in adulti e bambini.

ARFID: sintomi comportamentali e psicologici

  • Drastica perdita di peso;
  • Abiti a strati per nascondere la perdita di peso o riscaldare il corpo;
  • Costipazione, dolore addominale, intolleranza al freddo, letargia e/o eccesso di energia;
  • Problemi gastrointestinali coerenti con il disordina ma vaghi durante i pasti che non hanno una causa nota. Tra questi, “mal di stomaco” e “sensazione di sazietà”;
  • Drastica restrizione nei tipi o nella quantità di cibo consumato;
  • Mangiare solo determinate consistenze di cibo;
  • Paura di soffocare o vomitare;
  • Mancanza di appetito o interesse per il cibo;
  • Gamma limitata di cibi preferiti che si restringe nel tempo (es. mangiare “schizzinoso” che peggiora progressivamente).
  • Nessun disturbo dell’immagine corporea o paura dell’aumento di peso.

ARFID: sintomi fisici 

Poiché sia ​​l’anoressia nervosa che l’ARFID implicano l’incapacità di soddisfare i bisogni nutrizionali, entrambi i disturbi hanno segni fisici e conseguenze mediche simili.

  • Crampi allo stomaco, altri disturbi gastrointestinali non specifici (stitichezza, reflusso acido, ecc.);
  • Irregolarità mestruali o mestruazioni mancanti;
  • Difficoltà di concentrazione;
  • Analisi anormali (anemia, bassi livelli ormonali e tiroidei, basso livello di potassio, basso numero di globuli rossi, rallentamento della frequenza cardiaca);
  • Vertigini con svenimento;
  • Mani e piedi freddi e chiazzati o gonfiore dei piedi;
  • Problemi di sonno;
  • Pelle e unghie secca;
  • Diradamento dei capelli sulla testa, che diventano secchi e fragili;
  • Debolezza muscolare;
  • Scarsa guarigione delle ferite;
  • Funzionalità immunitaria compromessa. 

Se riscontri problemi nelle tua analisi del sangue, associate ad una selezione costante degli alimenti, potresti soffrire di ARFID o altri disordini alimentari. Contatta immediatamente il tuo medico! 

Se vuoi una mano ad impostare un lavoro quotidiano di armonia con il cibo, invece, scopri il mio metodo e il mio percorso online per i disturbi alimentari (ARFID compreso).

*DISCLAIMER: Il materiale e le informazioni contenute nel presente sito sono state elaborate soltanto a scopo informativo: non devono essere considerate consulenza medica, né costituiscono una relazione medico-paziente, né una diagnosi o autodiagnosi. Pertanto, ogni decisione presa sulla base di queste indicazioni è personale: l’autrice e la proprietà non possono essere ritenuti responsabili dei risultati o delle conseguenze di un qualsiasi utilizzo o tentativo di utilizzo delle informazioni pubblicate su questo sito. La proprietà del sito e gli autori, inoltre, non si assumono alcuna responsabilità in caso di omissioni di informazioni, refusi o errori di trascrizione in qualsiasi dei contenuti pubblicati. La proprietà del sito si rende disponibile a correggere, migliorare e ampliare i contenuti e ad accogliere eventuali segnalazioni, al fine di offrire un servizio d’informazione sempre aggiornato e attendibile.