Il Bonus Psicologo per i Disturbi Alimentari è una realtà? Con il decreto del 31 maggio 2022, pubblicato in G.U., il Governo ha dato il via libera al Bonus Psicologo, per sostenere le persone in difficoltà dopo la pandemia. Si applica anche ai disturbi alimentari? Tutto ciò che c’è da sapere nell’articolo.


Che cos’è il Bonus Psicologo?

La Pandemia da Covid 19, oltre che ad attentare alla salute di ognuno di noi, ha lasciato tantissimi strascichi sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista psicologico.

Anzi, per quanto riguarda la nostra salute mentale, sono tantissime le ricerche che hanno evidenziato come la Pandemia abbia inevitabilmente condizionato il nostro modo di rapportarci con il mondo e con gli altri, specie nei bambini nei quali la DAD ha causato non pochi problemi a livello emotivo e relazionale.

Ecco perché il Governo, con il decreto del 31 maggio 2022, pubblicato in G.U., ha deciso di intervenire con la misura del cosiddetto “Bonus Psicologo”, un contributo per sostenere le spese relative ad eventuali sessioni di psicoterapia. Un intervento richiesto e, finalmente, annunciato.

Come funziona?

Possono accedere al Bonus Psicologo tutti coloro che dovranno sostenere delle spese di psicoterapia. Ma esistono delle specifiche importanti da ricordare.

Nella fattispecie, il Bonus spetta a coloro che chi si rivolgono a specialisti regolarmente iscritti all’elenco degli psicoterapeuti nell’albo degli psicologi, che abbiano comunicato l’adesione a questa iniziativa presso il Consiglio Nazionale degli Ordini degli Psicologi (CNOP).

Tutti i dettagli si trovano nel decreto 31 maggio 2022, pubblicato in G.U. Serie Generale n.148 del 27/06/2022, dove si legge: “Contributo per sostenere le spese relative a sessioni di psicoterapia, ai sensi dell’articolo 1-quater, comma 3, del decreto-legge 30 dicembre 2021, n. 228, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 febbraio 2022, n. 15”.


I requisiti per accedere al Bonus Psicologo

Come si legge nel testo: “Il contributo e’ stabilito nell’importo massimo di 600 euro per persona ed è stabilito a partire dalle diverse fasce dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE), al fine di sostenere le persone con ISEE più basso”.

Nello specifico, dunque, ecco in cosa consiste il Bonus Psicologo:

  • Il contributo NON spetta alle persone con ISEE superiore a 50.000 €;
  • Chi ha un ISEE tra 30mila e 50mila €, potrà contare su un’erogazione del contributo spese pari a 200 €.
  • Per chi ha un ISEE compreso tra 15.000 e 30.000 € e fino a 50 € per ogni seduta, il beneficio viene erogato per un importo massimo stabilito in 400 €;
  • Per chi ha un ISEE inferiore a 15.000€, viene erogata una somma massima stabilita in 600€ (fino a 50 euro per ogni seduta);
  • Il beneficio viene concessso UNA VOLTA SOLA all’anno, e comunque fino all’esaurimento dei 10 milioni di € previsti per la misura.

Il Bonus Psicologo per i disturbi alimentari

Dal momento che il beneficio è previsto per tutti coloro che sostengono e sosterranno dal momento dell’entrata in vigore del Bonus delle sessioni di psicoterapia, il Bonus può essere richiesto anche se si soffre di disturbi alimentari.

Anzi, a maggior ragione che tutti i problemi legati al cibo e all’ossessione del cibo stesso sono aumentati del 40 % con la pandemia (con un’impennata tra bambini e adolescenti), questa misura è importante e alla portata di tutti. Aggiornerò questo articolo quando si potrà presentare domanda.

FAQ – Domande Frequenti

Esistono Bonus, Assegni e Agevolazioni per Disturbi Alimentari?

Il Bonus Psicologo non è l’unica misura alla quale si può accedere se si soffre di disturbi alimentari. Sono previsti, infatti, sia un Assegno INPS per i disturbi alimentari che l‘Invalidità Civile, specie per chi soffre di anoressia e bulimia nervosa.

assegno-inps-disturbi-alimentari-melania-romanelli-coach


Come si richiede il Bonus Psicologo?

Da Lunedì 25 Luglio (2022), L’INPS e il Ministero della Salute hanno indicato le date e le modalità precise per presentare domanda.

Per accedere al Bonus dovrai presentare online la richiesta accedendo al servizio “Contributo sessioni psicoterapia” attraverso una delle seguenti modalità:

  • pagina web, inserendo le credenziali sul sito dell’Istituto www.inps.it nei servizi per il cittadino;
  • Contact Center, chiamando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da rete mobile a pagamento);
  • con un successivo messaggio, l‘INPS comunicherà la data di apertura della procedura per la presentazione della domanda;
  • i risultati saranno comunicati successivamente al 24 ottobre 2022, data ultima per presentare la domanda.

Ecco gli step per ricevere il Bonus Psicologo (anche se soffri di DCA):

  • La richiesta verrà presentata online sul sito dell’INPS accedendo alla piattaforma con identità digitale SPID o o altre accertate e in corso di validità (es. CIE o CNS).
  • Subito dopo, si stabilirà una graduatoria su base regionale e provinciale e tenendo in conto della residenza di chi ha fatto domanda.
  • Se si è beneficiario, si entrerà in possesso di un codice univoco da presentare al professionista per ricevere le sessioni di psicoterapia.

Secondo alcune analisi, il beneficio sarà sfruttato da circa 16 mila italiani e dovrà essere impiegato entro 180 giorni dalla data di ricezione del contributo.

Hai mai chiesto AIUTO per il tuo Disturbo Alimentare? Scrivimi e parliamone 😉

Melania-Romanelli-coach-disturbi-alimentari-e-benessere-smile

*DISCLAIMER: Il materiale e le informazioni contenute nel presente sito sono state elaborate soltanto a scopo informativo: non devono essere considerate consulenza medica, né costituiscono una relazione medico-paziente, né una diagnosi o autodiagnosi. Pertanto, ogni decisione presa sulla base di queste indicazioni è personale: l’autrice e la proprietà non possono essere ritenuti responsabili dei risultati o delle conseguenze di un qualsiasi utilizzo o tentativo di utilizzo delle informazioni pubblicate su questo sito. La proprietà del sito e gli autori, inoltre, non si assumono alcuna responsabilità in caso di omissioni di informazioni, refusi o errori di trascrizione in qualsiasi dei contenuti pubblicati. La proprietà del sito si rende disponibile a correggere, migliorare e ampliare i contenuti e ad accogliere eventuali segnalazioni, al fine di offrire un servizio d’informazione sempre aggiornato e attendibile.