Nomadi digitali

Inventarsi un lavoro: come ho rivoluzionato la mia vita in 1 anno. Perché ho scelto di lavorare viaggiando

 

INDICE

 

Ti è mai capitato di lavorare, lavorare e lavorare ma pensi di non arrivare da nessuna parte? Che anche se guadagni hai solo l’illusione del benessere, perché non hai tempo di goderti nulla?

Ti è mai capitato di tornare a casa in tempo per la cena avendo la sensazione che la tua vita stesse fuggendo via?

È così che mi sono sentita due anni fa, quando dopo l’ennesimo turno passato a servire i tavoli di un bar sono tornata a casa piangendo sotto la pioggia pensando “non può andare avanti così”.

Crea-La-Tua-Vita-in-5-passi copia

La vita che avevo immaginato da bambina era molto diversa: volevo diventare ballerina, poi attrice, poi cantante e poi scrittrice. Specie in quest’ultimo mestiere sentivo che potevo dare tanto, che la vita poteva e doveva essere come la volevo io, andando sottobraccio con la mia creatività e vivendo a pieno ogni attimo.

Crescendo, spesso ci dimentichiamo delle promesse che facciamo a noi stessi da bambini, continuando a vivere nel mondo degli adulti a volte senza capire bene il perché.

Tornando a casa in lacrime ho avuto un’epifania, la percezione per la prima volta che dovevo tornare a quel seme originario, che dovevo e potevo guardare negli occhi quella bambina sognatrice, abbracciarla e dirle che andrà tutto bene. Proprio come immaginava e sognava lei.

Il giorno dopo mi sono licenziata. Senza pensarci su due volte. Mi sentivo sola, persa, abbandonata, senza certezze. Eppure, sentivo che dentro di me quella era la cosa più giusta e necessaria da fare. In quell’istante ho deciso di trasformare quell’evento traumatico in un’opportunità per rinascere.

 

Melania, hai avuto il coraggio di cambiare! Brava! Non so se si possa chiamare solo coraggio, quello che so è che a volte basta davvero così poco, una persona che ci dica di non avere paura, una persona che ci indichi il cammino più breve per la via di fuga, un segnale che ci confermi che la scelta più paurosa a volte è proprio quella che abbiamo bisogno di fare. E, se ci pensate bene, è quella che siamo liberi di compiere per noi stessi. Quante volte abbiamo agito sotto una reale costrizione? Quante volte, invece, siamo stati noi stessi a frenarci per mille motivi diversi, e sempre uno di troppo che non ci ha mai permesso di intraprendere un cambiamento reale?

La vita non è perfetta, ma il nostro atteggiamento può esserlo.

“Overcoming, changing” o “setting goal” sono delle espressioni che significano “superare i cambiamenti” e “stabilire degli obiettivi” e implicano azioni che dipendono esclusivamente da noi. E da nessuna costrizione reale. E, indipendentemente dal tempo in cui ti trovi e dalle circostanze che stai attraversando, hai sempre la libertà di scegliere come affrontare le situazioni che ti capitano.

Perché l’atteggiamento non è tutto, ma è il motore per raggiungere i tuoi desideri. Inoltre, come essere umani siamo anche molto fortunati ad essere in grado di lavorare sull’atteggiamento, cioè di affinare ciò che ci manca per essere più felici, più efficienti, più abili e più sereni.

Ma tutto questo due anni fa non lo sapevo.

Quello che sapevo era che amavo scrivere e che quella era l’unica cosa che ero certa di saper fare. E che avrei voluto viaggiare, perché amavo farlo da quando ero piccola e perché, anche se avevo viaggiato abbastanza, sentivo che avevo ancora tutto il mondo da scoprire.

E così mi sono ritrovata sola, senza certezze, ma libera.

Lo step successivo è stato semplice. Melania, mi sono detta, hai una sola opzione: la necessità di scegliere un lavoro che ti permette di viaggiare.

E così ho fatto, rivolgendomi alla prima fonte di informazione onnisciente che conoscevo: Google. Cercando online, infatti, ho scoperto un’infinità di metodi per lavorare da casa online oppure per vivere di scrittura o meglio ancora per vivere viaggiando. Ma davvero scrivere è un lavoro che mi permette di vivere, mi son detta? Sul serio posso fare di questa mia passione una professione? Potevo, anche se non mi stavo ingannando: la strada sarebbe stata lunga. Quindi, pensai, meglio mettermi in marcia.

 

Lavorare da casa con internet seriamente: la mia scelta consapevole

Avendo nella testa la voglia di viaggiare ma anche di trovare un metodo per mantenermi, l’unico legame con il mondo era quello di dover possedere una connessione Wi-Fi buona e un computer, cose delle quali disponevo in parte. Avevo un Mac dalla mia, ma mi mancava la certezza di una connessione e, poi, mi mancava un quadro generale di come lavorare da casa con internet seriamente e di come guadagnare con la scrittura.

Inventarsi un lavoro toccava solo a me: e così ho deciso di cominciare a muovermi. Ecco come:

  • Ho cercato un posto “franco” dove vivere per un po’ senza l’ansia dell’affitto e senza distrazioni
  • Ho scelto Google e tantissimi esperti online da prendere come Guru e Maestri
  • Ho riaperto vecchi curricula, facendo pulizia e impostando da professionista il mio personal branding: nuovo CV graficamente accattivante (ci sono tool e fac simile ovunque online)
  • Ho rispolverato i miei vecchi scritti, scegliendo quelli salvabili e gettando tutti gli altri, ricominciando a rileggerli piano piano per salvare il salvabile. Dove non c’era ho buttato, senza timore di andare avanti o di ricominciare da zero con tutto
  • Ho studiato quali piattaforme potessero essere utili per cominciare a propormi come scrittrice (Addlance, Upwork, Freelancer, Fiverr)
  • Ho migliorato le mie skill tecniche e linguistiche utilizzando tantissimi corsi online (primi tra tutti la Google Academy)
  • Mi sono data un mini-obiettivo: ho ricominciato a scrivere piano piano ogni giorno. 5 pagine al giorno obbligatorie. E così è stato
  • Ho ripreso l’attività fisica in maniera easy, due volte a settimana due ore solo per me stessa
  • Ho letto tanto: libri di self-help, marketing, scrittura, yoga, narrazione, storytelling. Con l’esclusione di qualche romanzo, insomma, tutto quello che leggevo faceva parte del mio mondo lavorativo
  • Ho detto ad alta voce: SONO UNA SCRITTRICE. E me ne sono convinta

Credetemi, questo metodo non è niente di speciale. Eppure avere dei piccoli compiti giornalieri come riscrivere una lettera motivazionale o 5 pagine di narrativa al giorno, affiancandoli ad un obiettivo più grande, ovvero vivere di scrittura e lavorare da casa online, è stato per tre mesi la bussola che mi ha fatto andare avanti più serena e consapevole che mi stavo muovendo nella giusta direzione. Anche se avevo ancora un po’ paura di quanto avrei resistito vivendo senza una reale rete di salvataggio.

coach-vita-amplificata-melania-romanelli4

Viaggiare soli per ritrovare se stessi mi ha cambiato la vita

Pian piano il lavoro stava entrando in una fase B: quella in cui vedevo dei piccoli cambiamenti e miglioramenti. Vivere in un luogo senza l’ansia dell’affitto ma lontano da casa (come ho già scritto nel mio libro “Spero tutto Bene”, ho vissuto a casa di mia zia per 3 mesi in Canada), infatti, mi ha regalato la possibilità di eliminare il problema denaro e di concentrarmi su altro. Stavo viaggiando, ma senza spendere un capitale, e in più stavo gettando le basi senza che lo sapessi verso la scrittura definitiva del mio primo libro.

Come ho fatto? Ho lavorato con il materiale a me a disposizione: la passione per le persone e la mia testa.

Così ho viaggiato in autobus (che sono molto economici laggiù) e sono partita intervistando tantissima gente nella parte est del Canada chiedendo loro racconti, esperienze, fotografie, piccoli ricordi ed emozioni. Stupida da tanta disponibilità a narrarsi e spesso a riaprire vecchie ferite ho capito che con poco stavo realizzando la passione di una vita: viaggiare lavorando. Ero una piccola scrittrice in cammino, e dalla mia parte avevo la mia rinnovata energia di un tempo. Lavorare e viaggiare per il mondo può diventare realtà, mi raccontavo ogni giorno, basta solo incanalare questo obiettivo in uno schema di lavoro disciplinato e costante. Donne libere, donne viaggiatrici e donne indipendenti erano la mia bussola quotidiana per non tornare a sbandare. Mi piacevano, le studiavo, le contattavo. Volevo diventare una di loro. E così ho stabilito un obiettivo più grande senza saperlo. La cosa che mi mancava era una sola: guadagnare! Sempre cercando su Google tra le infinite opportunità di guadagno online, sono incappata in alcuni metodi che mi interessavano per far crescere il mio lavoro e per impostare una reale professione di scrittrice.

Per me stessa ho scelto, dunque, 3 metodi di guadagno e ho deciso di abbracciarli in pieno andando avanti senza dubitare mai:

  • Il mio blog
  • Instagram
  • Le affiliazioni

Come guadagnare online con un blog

Anche se molti non ci credono, il blog è la prima fonte di guadagno per uno scrittore online. È vero, all’inizio non si vedono soldi all’orizzonte, né tantomeno ci sono tantissimi sponsor e persone disposte ad investire nella vostra attività. Siete completamente soli. E questo spesso spaventa. Ma non deve indurre a mollare. Quello che ho fatto io è stato concentrarmi su ciò che mi piaceva, non senza incappare in strade senza via d’uscita, argomenti troppo generici, soldi spesi senza un rientro in visibilità e collaboratori inaffidabili prima di riuscire ad incanalare la mia energia in qualcosa di costruttivo.

Perché il blog prima dei social? Perché una pagina web personale è davvero qualcosa di nostro, un “oggetto” che ci appartiene fino in fondo e che nessuno potrà mai toglierci. Pensateci bene: e se domani Facebook decidesse di chiudere? E se Instagram fallisse o avesse un bug irreparabile di sistema? Che cosa farebbero le nostre attività, le cose che abbiamo scritto e i nostri follower? Il valore che costruiamo realmente è quello che costruiamo noi stessi all’interno del nostro spazio personale, che non è quello “concessoci” da qualche piattaforma ma è quello che possediamo per noi stessi e per la nostra attività.

Il sito e il blog, dunque.

Ma come si guadagna con un blog?

  • Creare e Vendere prodotti per la propria nicchia: Infoprodotti
  • Vendere servizi: ghostwriting e visual storytelling
  • Vendere prodotti: e-commerce e dropshipping
  • Vendere spazi pubblicitari: Banner pubblicitari di Google Adsense
  • Collaborazioni: affiliazioni e guest post
  • Sponsorizzazioni

Per ognuno di questi argomenti nel mio blog troverete presto degli approfondimenti. Ma iniziamo da Instagram.

coach-vita-amplificata-melania-romanelli3

Come si fa a guadagnare soldi su Instagram

– CREA UNA STRATEGIA

Definire obiettivi specifici che è necessario raggiungere attraverso la narrazione visiva è fondamentale per raggiungere dei risultati nel breve e nel lungo periodo, perché a seconda degli obiettivi cambia anche il modo con il quale comunichiamo. Determina ciò che è unico nel tuo brand o prodotto oppure personaggio e come prevedi di condividerlo con le immagini visive. Sviluppa temi o trame per andare con i tipi di immagini o video che desideri condividere. Cerca e impara dagli esempi di altri marchi che usano Instagram in modo efficace. Uno degli strumenti di Google per vedere le immagini più popolari condivise su Instagram in un dato anno è Bestnines: usalo per determinare le best practice e poi imposta la tua originale strategia.

– COSTRUISCI IL TUO PUBBLICO

Assicurati di collegare il tuo account Instagram ai profili Facebook e Twitter per aumentare la copertura e la visibilità.

Crea hashtag personalizzati con il nome del brand o del prodotto che promuovi e assicurati di utilizzarli su tutti i tuoi canali social; scelgli gli hashtag migliori a livello di performance seguendo una strategia di tentativi ed errori.

Segui tutti i profili vicini alla tua nicchia e interagisci con loro. Interagisci con altri Instagrammer mettendo tanti like e commentando realmente i loro post.

Tieni traccia del tuo coinvolgimento (creando un account Business collegato ad una pagina Facebook) per vedere quale tipo di post o contenuti funziona meglio per il tuo pubblico.

– COSA POSTARE

Poiché Instagram è incentrato sulla narrazione visiva, assicurati di condividere solo immagini di alta qualità. Assicurati che le immagini che condividi siano ottimizzate per i dispositivi mobili, in modo che i tuoi follower mobili possano utilizzarle. Fai tante storie, specie video. Le persone amano vedere le cose, e cosa meglio di un video? Dai sempre informazioni utili o racconta la tua storia in maniera avvincente, originale e autentica.

– QUANDO POSTARE

Anche se ci sono degli orari migliori (per il pubblico italiano ad esempio il marketer Dario Vignali consiglia le ore 10:00, le 14:00 e le 18:00) di interazione, capisci sempre quando la tua nicchia è sui social per impostare una pubblicazione costante e sempre allo stesso orario (per creare una routine di pubblicazione) e consentire alla nicchia stessa di vederti

– SE VENDI PRODOTTI

Pubblica entrambe le immagini dei tuoi prodotti reali e i tuoi clienti che li utilizzano.

Incoraggia i tuoi clienti a condividere immagini simili con te. Pubblica immagini che mostrano come utilizzare i tuoi prodotti. Prendi in considerazione la pubblicazione di immagini che mostrano dove e come sono realizzati i tuoi prodotti. Crea un passaparola accennando a imminenti nuove uscite o incentivi speciali. Aumentare il coinvolgimento ospitando concorsi.

 

Come guadagnare soldi con le affiliazioni

Iniziamo con una definizione di base del marketing di affiliazione: “un sistema che lavora su Internet in cui tu (come affiliato) sei pagato per veicolare vendite o clienti a un’altra azienda.’ In pratica, è un po’ come un agente immobiliare che non possiede le case che vende; piuttosto promuove case per conto dei loro clienti guadagnando una percentuale del prezzo di vendita di qualsiasi proprietà venduta.

Per lavorare con le affiliazioni, abbiamo bisogno di quattro elementi fondamentali del mercato:

  • L’azienda che di solito produce il prodotto o il servizio
  • Un affiliato (il tuo blog o il tuo profilo)
  • Un network di affiliazione che gestisce la parte del traffico, gestendo le offerte e pagando l’affiliato a raggiungimento dei risultati
  • I clienti che acquistano il prodotto o il servizio

Nello specifico, comunque, ecco come funziona l’affiliazione: l’affiliato nel suo blog inserisce dei link di affiliazione con dei codici di riconoscimento che l’azienda gli ha conferito. Nel momento in cui l’utente del blog naviga, clicca o acquista un determinato prodotto con quel link o codice, l’affilato riceve o una commissione, o un prezzo fisso o una percentuale sull’oggetto venduto (dipende dagli accordi). L’affiliato, in pratica, si fa promotore di un bene o servizio ai suoi utenti per conto di un’azienda perché secondo lui quel bene o servizio è rilevante per le persone che lo seguono. Un buon blog o profilo, dunque, è quello in grado di scegliere oggetti e beni di valore per la sua nicchia senza creare “conflitti di interessi” o “fraintendimenti di contenuto” (se pubblicizzate sempre cibo sano e fresco non è un’ottima cosa iniziare a promuovere merendine, per intenderci).

Un esempio di network di affiliazione? Amazon, oppure decine di piattaforme chiamate Clickbank, ovvero delle vere e proprie “banche” nel quale selezionare dei prodotti utili con i relativi codici da promuovere ai propri utenti.

melania-romanelli-blog

 

Come vedete, dunque, ci sono decine di mondi nei quali entrare se avete deciso non solo di aprire un blog ma anche di monetizzarlo, di farlo crescere e capire finalmente come guadagnare online con un blog e, una volta apertolo, come guadagnare soldi con le affiliazioni. Inventarsi un lavoro, specie lavorare con la scrittura, non solo è possibile ma è anche molto interessante e fonte di soddisfazione. Vedere salire e guadagnare da soli online con il proprio blog sarà un momento davvero importante per voi! L’unica cosa che vi chiedo è la PAZIENZA! Perché i risultati arrivano a coloro che ci credono fino in fondo, che non si arrendono ma che, al contrario, continuano ad andare avanti nonostante le difficoltà.

Il mio blog solo dopo un anno sta iniziando a portare i suoi frutti, ma la strada è davvero ancora lunga. L’importante è essere consapevoli che, se questa è davvero la nostra, nessuno ostacolo ci impedirà di raggiungere il traguardo!

Let’s go writing!

 

Crea-La-Tua-Vita-in-5-passi copia

Inventarsi un lavoro: Crea La Tua Vita in 5 passi!

Al termine del mio percorso di rinascita e di riscoperta di me, dunque, ho messo a punto diversi passi per ripartire:

Ho pubblicato da sola con Amazon il mio primo libro “Spero Tutto Bene, e anche se sto cercando una pubblicazione cartacea soddisfacente sono davvero fiera dei risultati che ogni giorno il mio libro macina online, perché sono frutto solo del mio impegno e della mia determinazione. Oggi “Spero tutto bene” sta cercando un editore e sta per essere lanciato in lingua spagnola!

Ho aperto un blog di lifestyle che pian piano sta crescendo e che, dopo un anno di vita, ha seguito un restyling al passo con i cambiamenti delle mie competenze e professionalità. Come vedete, nulla è definitivo, l’importante è far in modo di crescere e andare avanti senza paura delle conseguenze;

Ho lanciato la mia carriera come ghostwriter, sia su piattaforme quali Freelancer o Fiverr sia su richiesta diretta di clienti (per maggiori info visita la mia pagina dedicata);

Ho lanciato la mia comunità Instagram @MELAROMANELLI.CLTV sullo stile di vita “amplificato” e salutare, che in un anno ha raggiunto 11.500 follower.

 

Eppure, sentivo che tutto quello che avevo fatto non era ancora abbastanza. Volevo fare di più, volevo metter al servizio dei miei seguaci, delle mie anime “amplificate”, un qualcosa che potessero portare con loro. Un progetto, uno schema, un metodo di lavoro sulla loro vita che funzionasse davvero.

Dal desiderio di incanalare la mia intelligenza emotiva e il mio amore per le persone in qualcosa di utile e più grande di me è nato il progetto di lifestyle “Crea la tua vita in 5 passi”.

coach-vita-amplificata-melania-romanelli3

 

Sono una grande fan del cambiamento, specie perché sulla mia pelle ne ho vissuti tanti: fisici, latitudinali, emotivi. E sono sempre stata una grande fan di ciò che il cambiamento è capace di portare alle nostre vite e ai nostri cuori. Siamo sempre noi, eppure cambiamo. Manteniamo le nostre abitudini, eppure ci comportiamo in maniera differente. E visto che intorno a me vedo tanta bellezza e tanto talento, spesso sprecati o accantonati, ho sempre immaginato a come sarebbe il mondo se dedicassimo 100 % anima e corpo alla messa in opera di tale bellezza e di tale talento. Cosa sarebbe il mondo se ognuno di noi sfruttasse la missione per la quale ha raggiunto questa terra?

Ognuno di noi, sotto sotto, sa cosa vorrebbe fare della propria vita.

Ci conosciamo bene e wappiamo tutto, è che siamo smemorati (o fingiamo di esserlo)!

“Crea la tua vita in 5 passi” nasce per ricordare alle persone di sfruttare in qualsiasi ambito della vita il proprio talento!

 

Nasce con la voglia di smorzare poco a poco l’infelicità che ogni giorno ci strappa alla vita!

Nasce con la consapevolezza che è possibile cambiare la nostra vita! E senza chiedere aiuto, perché dipende interamente da noi!

La vita è una sola, e va vissuta fino in fondo. Perché non torna più.

E va vissuta come sappiamo volerla vivere.

“Crea la tua vita in 5 passi” è un programma in 5 nodi da sciogliere che ho provato e messo a punto personalmente e che ho voglia e sono eccitata di condividere con voi!

Tips, step, rischi, percorsi, consigli, tecniche utili per decidere una volta per tutte di fare ciò che vogliamo della nostra vita!

Anche senza stravolgerla, ma vivendola in pieno come vogliamo noi.

Dipende da noi, siamo noi gli artefici del nostro destino.

È possibile “creare” la nostra opera d’arte.

Basta lanciare l’ancora della paura, impugnare il timone e seguire il piano di navigazione che ho preparato per voi e che vi voglio passare!

Pronti… salpiamo?

logo-Melania-Romanelli