Educazione-alimentare-nella-scuola-prevenzione-dca

I disturbi alimentari colpiscono circa 3 milioni di persone in Italia, mentre l’età di insorgenza si abbassa sempre di più (8 anni): ecco perché l’educazione alimentare nella scuola è un mezzo fondamentale per la prevenzione dei disturbi del comportamento alimentare fin dalla tenera età. 


INDICE: 


Disturbi Alimentari: i campanelli d’allarme

I disturbi del comportamento alimentare sono una realtà che oggi in Italia affligge circa 3 milioni / 3 milioni e mezzo di persone, specie nelle accezioni di anoressia nervosa, bulimia nervosa e Binge Eating

Nonostante le statistiche siano sempre poco incisive, un dato è certo: l’insorgenza della malattia ha ormai toccato gli 8-9 anni di età, con una curva in crescita non solo tra le giovani ragazze ma anche tra i ragazzi (nei quali si diffondono maggiormente l’anoressia maschile e la bigoressia). 

Eppure, di educazione alimentare nelle scuole neanche l’ombra. O quasi.

Esistono, infatti, alcuni progetti che coinvolgono associazioni e scuole, e non solo per quanto riguarda l’alimentazione in generale se non anche la prevenzione dello sviluppo dei disordini alimentari tra i piccolini.  

Anche perché, da un “impulso” legato alle emozioni, se sviluppato per tanto tempo, un disturbo alimentare può diventare una condizione cronica e compulsiva dalla quale è difficile uscire (vedi la ricerca dell’Università di Bologna al paragrafo seguente).

Ecco, dunque, i progetti per sradicare il problema a monte: l’educazione alimentare nella scuola per prevenire i disturbi alimentari. 

Educazione-alimentare-nella-scuola-prevenzione-dca

I dati sulla diffusione dei disturbi alimentari

Tutti i disturbi dell’alimentazione sono più frequenti nella popolazione femminile che in quella maschile: negli studi condotti su popolazioni cliniche, gli uomini rappresentano il 5-10% di tutti i casi di anoressia nervosa, il 10-15% dei casi di bulimia nervosa.

L’incidenza dell’anoressia nervosa è di almeno 8-9 nuovi casi per 100mila persone in un anno tra le donne, mentre per gli uomini è compresa fra 0,02 e 1,4 nuovi casi.

Nell’anoressia nervosa, il tasso di remissione è del 20-30% dopo 2-4 anni dall’esordio, 70-80% dopo 8 o più anni. Nel 10-20% dei casi si sviluppa una condizione cronica che persiste per l’intera vita (dati Ministero della Salute).

Per quanto riguarda la bulimia nervosa ogni anno si registrano 12 nuovi casi per 100mila persone tra le donne e circa 0,8 nuovi casi per 100.000 persone in un anno tra gli uomini


I progetti di prevenzione regionali 

Prima di parlarvi dei progetti di prevenzione e di educazione alimentare nella scuola legata ai DCA, ho navigato online alla ricerca di quelli passati. Come al solito, non ho trovato molto materiale “ufficiale”, vale a dire che ad oggi non sono riuscita a comprendere quanti e quali (se esistono) progetti di prevenzione il Governo Italiano e il Ministero della Salute abbiano messo in atto in relazione ai disordini alimentari.

Diversamente, invece, sono molti i progetti regionali e anche di associazioni private sul territorio legati proprio a questo argomento importantissimo.

Le regioni del Nord Italia sono quelle che, nel corso degli anni, hanno realizzato delle giornate di sensibilizzazione e anche dei convegni dedicati proprio ai disturbi dell’alimentazione che nascono fin dalla tenera età. 

Tra gli altri, vi lascio per approfondimento quelli della Regione Emilia Romagna, della Regione Umbria, dell’Unità Funzionale di Riabilitazione Nutrizionale Casa di Cura Villa Garda, dell’Associazione Forma Mentis, della Croce Blu di Modena, di alcune Università italiane e dell’Associazione Aba


Il progetto Foodnet

Diverso e con una diffusione strategica in tutto il territorio italiano il progetto Foodnet, che ha visto coinvolti le Associazioni ARP (Associazione per la ricerca in psicologia clinica) e Mi nutro di Vita, che operano sul territorio per sensibilizzare proprio sui temi dei disturbi dell’alimentazione. 

Il progetto consiste nell’“entrare” nelle classi per dialogare con i bambini della scuola primaria circa il rapporto tra cibo e emozioni. Complicato, ma non di certo per i bambini! 

Attraverso il confronto con gli organizzatori nei momenti “Conosciamoci attraverso le emozioni”, “A tavola con le emozioni” e “Emozioni e sensazioni”, infatti, i bambini hanno saputo riconoscere quali emozioni principali e sensazioni fisiche il cibo era in grado loro di scatenare. Erano, inoltre, capaci anche di associare ogni cibo ad una percezione precisa, ricostruendo sul corpo il “luogo” dedicato ad un cibo specifico (un approccio basico ma molto efficace per introdurre il mangiare consapevole e anche l’Intuitive Eating innato proprio nei bambini).

Cosa mi ha colpito di questo progetto? La capacità di insegnare ai bambini proprio il delicato – ma innato – legame tra cibo e emozioni… non per forza di cose un legame negativo! 

progetto-foodnet-disturbi-alimentari-melaniaromanelli

Il progetto di Melarossa del 2021

Molto recente e di grande impatto è il progetto “Alimentazione Sana” della testata “Melarossa”, che ha deciso di portare proprio l’educazione alimentare nelle scuole. L’obiettivo, infatti, è dei più nobili e necessari: prevenire la diffusione non solo dei DCA tra i bambini ma anche dell’obesità infantile. 

Come ricorda proprio Melarossa, “il sovrappeso in età infantile è un problema mondiale. Si stimano oltre 40 milioni di bambini al di sotto dei cinque anni in sovrappeso o addirittura persino obesi”. 

E il dato diventa ancora più allarmante se si pensa alla diffusione dell’obesità in Italia. 

progetto-scuola-melarossa-disturbi-alimentari-melaniaromanelli

La diffusione dell’obesità in Italia

Secondo uno studio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, i Paesi dell’Europa meridionale (Grecia, Malta, Italia, Spagna e San Marino) hanno i più alti livelli di obesità grave, anche superiore al 4%. 

Inoltre, tra i 22 paesi coinvolti nello studio, la più alta prevalenza di obesità è stata osservata in Spagna (17,7%), seguita da Malta (17,2%) e poi dall’Italia (16,8%). 

In un secondo studio, infine, l’Italia e Malta hanno mostrato la più alta prevalenza di obesità tra i bambini che non sono mai stati allattati al seno (21,2%), seguiti dalla Spagna (21,0%). 


Prevenzione = soluzione

Come abbiamo avuto modo di vedere nel corso di questo approfondimento, ai dati allarmanti sulla diffusione dei DCA molti hanno risposto con tentativi più o meno riusciti di progetti dedicati.

Nei casi migliori si è cercato di creare non solo consapevolezza alimentare, ma anche un movimento virtuoso di prevenzione dei disturbi alimentari, specie in tenera età.

Ecco perché ritengo che l’educazione alimentare nella scuola sia il segreto per la prevenzione dai disturbi legati all’alimentazione: come ci illustra il progetto Foodnet, del resto, sono i bambini stessi i nostri “insegnanti”.

Un bambino sa come e cosa ha bisogno di mangiare, è capace di ascoltare il suo corpo e assecondare le sue voglie e ben vengano, in definitiva, dei progetti che li aiutino a diventare sempre più consapevoli del rapporto speciale tra emozioni quali tristezza e gioia e la fame fisica o “emotiva”.

Prevenzione dei disturbi alimentari = Soluzione? Cosa ne pensi?

Hai bisogno di una mano per impostare uno stile di vita alimentare sano con i tuoi figli?

Prenota la tua consulenza gratuita con me! 

melania-romanelli-coach-alimentare
logo-Melania-Romanelli

*DISCLAIMER: Il materiale e le informazioni contenute nel presente sito sono state elaborate soltanto a scopo informativo: non devono essere considerate consulenza medica, né costituiscono una relazione medico-paziente. Pertanto, ogni decisione presa sulla base di queste indicazioni è personale: l’autrice e la proprietà non possono essere ritenuti responsabili dei risultati o delle conseguenze di un qualsiasi utilizzo o tentativo di utilizzo delle informazioni pubblicate su questo sito. La proprietà del sito e gli autori, inoltre, non si assumono alcuna responsabilità in caso di omissioni di informazioni, refusi o errori di trascrizione in qualsiasi dei contenuti pubblicati. La proprietà del sito si rende disponibile a correggere, migliorare e ampliare i contenuti e ad accogliere eventuali segnalazioni, al fine di offrire un servizio d’informazione sempre aggiornato e attendibile.

By Melania Romanelli

 Melania Romanelli, scrittrice, blogger e Coach Alimentare. Nel 2017 ha pubblicato su Amazon il romanzo “Spero Tutto Bene: un viaggio alla ricerca della felicità è sempre un ritorno a casa”. Blogger e Content Creator presso www.melaniaromanelli.com, personal coach sui temi di crescita personale, olismo energetico, spiritualità, disciplina e routine. Nel 2019 ha creato il programma "BED LIONS: come guarire dal Binge Eating Disorder”, per aiutare tutte le persone che soffrono del disturbo alimentare Binge Eating a guarire facendo appello alla propria forza interiore. Vive tra Canarie, Spagna e Italia. Per saperne di più: www.melaniaromanelli.com. Scopri di più su Melania!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Buona Navigazione 😉