binge-eating-emozioni-trigger-melania-romanelli

Quando mangiamo tanto e in maniera compulsiva e incontrollata, stiamo in realtà dando da mangiare alle emozioni sepolte dentro di noi e mai veramente espresse. Ecco le principali emozioni trigger che scatenano le abbuffate compulsive.


INDICE:


Nutrire le emozioni

Il disturbo da alimentazione incontrollata, ma anche i disturbi alimentari nel complesso, sono dinamiche strettamente e indissolubilmente collegate alle emozioni di chi le vive. 

Volendo estremizzare la semplificazione: quando mangiamo tanto e in maniera compulsiva e incontrollata, stiamo in realtà dando da mangiare alle emozioni sepolte dentro di noi e mai veramente espresse. 

Vale sempre e per ogni singolo DCA, ma vale ancora di più nel caso del Binge Eating Disorder.

Controllare le emozioni

Le persone che soffrono di alimentazione inontrollata, oltre al cibo, non riescono a controllare ed elaborazione correttamente i sentimenti negativi o le situazioni difficili della vita, scaricando ansia e frustrazione proprio nel modo di alimentarsi. 

Il cibo, pur essendo un nemico, diventa contemporaneamente l’unico “simulacro” di scelta e controllo nel preciso momento dell’abbuffata. 

Quali sono, dunque, gli stati d’animo e le emozioni che potrebbero scatenare episodi di compulsività alimentare? Vediamoli insieme.


Timidezza

La timidezza è un tratto caratteriale comune a molte persone, assolutamente non sbagliato e da non reprimere o modificare in alcun modo.

Ciò nonostante, quando la timidezza nasconde una incapacità di vivere in maniera serena i rapporti sociali, facendo chiudere in se stessa la persona isolandola, può rappresentare un grande ostacolo alla costruzione di rapporti d’amore o d’amicizia. 

In tal caso, rifugiarsi nel cibo può diventare l’unico appiglio utile per sentirsi “in compagnia” di un qualcosa che mai ci tradirà. I dolci, per esempio.


Solitudine

Se vivere soli o scegliere di prendersi del tempo per se stessi è un bene e contribuisce al rafforzamento della persona, la solitudine è una emozione ben diversa e più radicata.

Se la persona che sceglie di isolarsi prova anche un senso di abbandono da parte del mondo circostante, infatti, può cominciare a scatenare dei comportamenti che trovano conforto e compagnia solo nel cibo, come l’unico in grado di starci vicino e di farci stare bene

Le-emozioni-che-scatenano-le-abbuffate-melania-romanelli

Insicurezza del proprio corpo

L’insicurezza verso il proprio corpo è purtroppo una sensazione diffusa in moltissime persone, a partire dall’adolescenza (negli ultimi tempi anche dall’infanzia).

Piccoli difetti che ai nostri occhi appaiono enormi, i segni visibili del tempo che passa, un peso che non ci sembra “giusto” o “accettabile”, l’arrivo della stagione estiva… sono tutte sensazioni che provocano una grande insicurezza verso il corpo. E che, se non correttamente indirizzata, può tramutarsi in odio e rifiuto del cibo, e anche in disturbi dell’immagine corporea.

Non essere sicuri di esseri belli nella propria unicità, quindi, può sfociare in episodi di alimentazione incontrollata proprio per far fronte alle emozioni negative della non accettazione di sé stessi, causando così il BED e le abbuffate. 


Rapporto con i ragazzi

Il rapporto con i ragazzi è sicuramente un altro tasto molto dolente nella vita di ogni ragazza a partire dall’adolescenza, il momento in cui si inizia a formare anche un’identità sessuale e personale. 

Il rifiuto da parte di un ragazzo perché “non sei bella abbastanza” o “non sei abbastanza magra”, può andare oltre le parole sgarbate e innescare dei meccanismi mentali e comportamentali estremamente profondi e segnanti; Il risultato drammatico è una persona che si confronta in diversi modi con il cibo per riuscire a soffocare le emozioni negative derivanti da commenti, rifiuti e inadeguatezza sociale. 

E le ragazze? —-> Anche gli uomini soffrono di Disturbi Alimentari! Se ti rivedi in queste emozioni e le vivi sulla tua pelle, soprattutto in relazione al cibo, prenota la tua consulenza gratuita con me!


Commenti degli altri

I commenti degli altri, per quanto a volte privi di intenzione (ma MAI INNOCUI, ricordalo), possono ferire così profondamente una persona da minarne il suo stato emotivo e la sua fragilità.

Basti pensare a quante volte capita, in un pranzo in famiglia, che ci facciano notare un qualunque cambiamento corporeo:

“Sei troppo magro. Ma mangi?”

“Hai messo su qualche chilo?!”

“Hai proprio le cosce della zia”

“È ora di pensare un pò di più al tuo aspetto, non credi?!”

Questi apparentemente innocui commenti, in realtà, possono creare delle voragini e gettare le basi perfette per lo scatenarsi di seri e gravi problemi alimentari.

disturbi-alimentari-come-comportarsi-con-chi-ne-soffre

Social e “controllo della perfezione sociale”

I social, l’immagine e le ragazze copertina, infine, sono un problema che affligge generazioni di uomini e donne dall’avvento della mercificazione del corpo fino ad Instagram e alla body positive. 

Ogni epoca storica ha avuto la sua icona di stile, oppure chi detta ciò che è bello e ciò che è “normale”; ebbene, più ci si avvicina a quel prototipo più si è considerati belli, mentre chi non rientra in quel determinato standard non è perfetto. 

Nonostante qualcosa stia cambiando, ancora oggi le immagini social e i corpi femminili e maschili che vengono proposti dai media sono dei modelli di perfezione inarrivabile

E cosa fanno le persone che vivono i DCA ogni giorno? So convincono spesso e volentieri che se non si raggiunge quel livello di perfezione corporea ad ogni costo non si potrà mai essere felici. 

Questa pressione al “controllo della perfezione sociale” che abbatte la diversità e amplifica il conformismo, forse più di ogni altra emozione, secondo la mia esperienza di coach è la principale causa scatenate dei disturbi alimentari in donne e uomini negli ultimi anni e in ogni età.  

Cerchi di placare una di queste emozioni attraverso il comportamento con il cibo? Prenota la tua consulenza gratuita con me!

melania-romanelli-coach-alimentare
SOFFRI DI DCA MA NON SAI COME USCIRNE? Prenota la tua consulenza Gratuita con me!

*DISCLAIMER: Il materiale e le informazioni contenute nel presente sito sono state elaborate soltanto a scopo informativo: non devono essere considerate consulenza medica, né costituiscono una relazione medico-paziente. Pertanto, ogni decisione presa sulla base di queste indicazioni è personale: l’autrice e la proprietà non possono essere ritenuti responsabili dei risultati o delle conseguenze di un qualsiasi utilizzo o tentativo di utilizzo delle informazioni pubblicate su questo sito. La proprietà del sito e gli autori, inoltre, non si assumono alcuna responsabilità in caso di omissioni di informazioni, refusi o errori di trascrizione in qualsiasi dei contenuti pubblicati. La proprietà del sito si rende disponibile a correggere, migliorare e ampliare i contenuti e ad accogliere eventuali segnalazioni, al fine di offrire un servizio d’informazione sempre aggiornato e attendibile.

By Melania Romanelli

 Melania Romanelli, scrittrice, blogger e Coach Alimentare. Nel 2017 ha pubblicato su Amazon il romanzo “Spero Tutto Bene: un viaggio alla ricerca della felicità è sempre un ritorno a casa”. Blogger e Content Creator presso www.melaniaromanelli.com, personal coach sui temi di crescita personale, olismo energetico, spiritualità, disciplina e routine. Nel 2019 ha creato il programma "BED LIONS: come guarire dal Binge Eating Disorder”, per aiutare tutte le persone che soffrono del disturbo alimentare Binge Eating a guarire facendo appello alla propria forza interiore. Vive tra Canarie, Spagna e Italia. Per saperne di più: www.melaniaromanelli.com. Scopri di più su Melania!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Buona Navigazione 😉