DCA-AUMENTCO-CASI-COVID-dca-news-melania-romanelli

Secondo il Ministero della Salute, nel 2020 i casi di disturbi del comportamento alimentare legati allo sviluppo della pandemia del Covid 19 sono aumentati del 30 %. Tra i più colpiti, i giovani dagli 8 ai 14 anni e gli uomini.


L’epidemia nella pandemia

Al 21 marzo 2020, il numero di casi di COVID-19 in Italia ha raggiunto 53.578 con 4.825 decessi totali. Un numero impressionante e ancora preoccupante, aggravato soprattutto dai ripetuti interventi di lockdown in base a zone e colori.

Per limitare la diffusione del COVID-19, infatti, il governo italiano ha deciso di limitare la circolazione delle persone. Scuole, università, bar, hotel e negozi – ad eccezione di quelli che vendono cibo, farmaci, elettronica e magazzini – sono chiusi, e il Sistema Sanitario Nazionale sta cercando di far fronte al crescente numero di pazienti che necessitano di supporto ventilatorio nelle unità di terapia intensiva ormai stracolme.

Ma non è tutto. Ad allarmare medici e professionisti c’è un’altra “epidemia nella pandemia”, legata agli effetti psicologici del Covid 19: l’aumento vertiginoso dei casi di disturbi del comportamento alimentare.


L’effetto psicologico della quarantena

Il recente studio di Samantha Brooks e colleghi del King’s College di Londra su 24 studi sull’impatto psicologico della quarantena, ha riportato effetti psicologici negativi tra cui sintomi di stress post-traumatico, confusione e rabbia.

I fattori di stress della quarantena includevano una quarantena più lunga, paura di infezione anche in base a forniture inadeguate, frustrazione, noia, e anche l’angoscia di informazioni inadeguate, perdite finanziarie e stigma sociale.

Secondo la revisione dello studio, inoltre, i bambini e gli adolescenti sembrano particolarmente a rischio di disturbo da stress post-traumatico.

Le persone con disturbi alimentari hanno riscontrato un alto rischio di recidiva o peggioramento della gravità del loro disturbo, infine, proprio a causa delle paure di infezione e dell’effetto della quarantena, e per la carenza di cure psicologiche e psichiatriche adeguate a causa della pandemia.

ricadute-nei-dca-perche-succede

I dati sui disturbi alimentari nel 2020

+ 30 %. È questo il numero allarmante lanciato dal Ministero della Salute in collaborazione con le associazioni/ strutture per la cura dei disturbi alimentari sul territorio, in relazione alla diffusione dei DCA tra bambini e preadolescenti.

A causa della pandemia e assieme alle conseguenze psicologiche della quarantena che tutti hanno vissuto, seppure con differenti entità, in pratica, chi soffre di disordini dell’alimentazioni si è visto costretto in aggiunta a vivere con l’angoscia di restare nelle 4 mura di casa “insieme al cibo”.

Una convivenza a dir poco impossibile, che incentiva gli episodi di alimentazione incontrollata a causa delle scorte.

“Sono in smart-working e vivo in un piccolo appartamento, e lavoro dal tavolo della cucina. In pratica, se alzo gli occhi, la prima cosa che vedo è il frigorifero…”

Ad aggravare il discorso, il numero in aumento dei disordini alimentari tra i maschi e i giovani adulti di sesso maschile.

DCA-e-Coronavirus-dati-aumento-melaniaromanelli

Casa = prigione

Creando la separazione con gli altri, la limitazione dei movimenti e un cambio radicale delle abitudini, la quarantena può contribuire al mantenimento delle dinamiche del disturbo alimentare, spesso aggravandole. Eccone alcune.

  • La limitata possibilità di camminare e fare esercizio fisico può aumentare la paura dell’aumento di peso, che solitamente viene affrontato accentuando un regime alimentare restrittivo ma anche gli sgarri;
  • L’esposizione a elevate scorte di cibo a casa può essere un potente fattore scatenante di episodi di abbuffate e alimentazione incontrollata.
  • Rimanere a casa e non controllare il proprio peso può aumentare l’isolamento sociale – una caratteristica comune già associata alle conseguenze delle abbuffate di cibo– e creare un ostacolo irrecuperabile nei rapporti interpersonali:
  • Se non si vive da soli, passare più tempo con gli altri del nucleo familiare può portare ulteriori tensioni, specie nel confronto e nei discorsi legati al cibo, accentuando pressioni e sensi di colpa interiori tipici nella persona che soffre di DCA.
  • Nelle persone con disturbi alimentari e altre condizioni concomitanti, quali depressione, ansia, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbo post-traumatico e disturbo da uso di sostanze, la ruminazione, la preoccupazione e l’ansia innescate dalla pandemia possono accentuare la gravità della condizione di comorbidità.

Accesso “ritardato” alle cure

Un altro aspetto da non sottovalutare, con l’arrivo della pandemia e della crisi delle strutture sanitarie in era Covid, inoltre, è quello dell’accesso tempestivo alle cure.

Per chi soffre di DCA, in definitiva, non sempre è possibile seguire un iter di ricovero o di assistenza lineare come nel periodo pre-pandemia.

Le persone sottopeso per via del disturbo alimentare dell’anoressia nervosa, infine, sono a più alto rischio di complicazioni mediche associate alla malnutrizione e, sebbene non abbiamo dati certi, potrebbero essere a maggior rischio fisico nel caso di un’infezione da SARS-CoV-2. Oltre al fatto che, spesso, non trovano posto immediato in caso di necessità di ricovero.

E attenzione a chi, al contrario, soffre di obesità medio-grave: il non accesso immediato alle cure, in caso di sintomi gravi da coronavirus, potrebbe aggravare alcune patologie presenti e legate al peso.

SOFFRI DI DCA? HAI VISSUTO UN AGGRAVARSI DELLA TUA SITUAZIONE IN RELAZIONE AL CIBO E ALLA PANDEMIA?

Prenota la tua consulenza gratuita con me per capire come agire prontamente!

*DISCLAIMER: Il materiale e le informazioni contenute nel presente sito sono state elaborate soltanto a scopo informativo: non devono essere considerate consulenza medica, né costituiscono una relazione medico-paziente. Pertanto, ogni decisione presa sulla base di queste indicazioni è personale: l’autrice e la proprietà non possono essere ritenuti responsabili dei risultati o delle conseguenze di un qualsiasi utilizzo o tentativo di utilizzo delle informazioni pubblicate su questo sito. La proprietà del sito e gli autori, inoltre, non si assumono alcuna responsabilità in caso di omissioni di informazioni, refusi o errori di trascrizione in qualsiasi dei contenuti pubblicati. La proprietà del sito si rende disponibile a correggere, migliorare e ampliare i contenuti e ad accogliere eventuali segnalazioni, al fine di offrire un servizio d’informazione sempre aggiornato e attendibile.

By Melania Romanelli

 Melania Romanelli, scrittrice, blogger e Coach Alimentare. Nel 2017 ha pubblicato su Amazon il romanzo “Spero Tutto Bene: un viaggio alla ricerca della felicità è sempre un ritorno a casa”. Blogger e Content Creator presso www.melaniaromanelli.com, personal coach sui temi di crescita personale, olismo energetico, spiritualità, disciplina e routine. Nel 2019 ha creato il programma "BED LIONS: come guarire dal Binge Eating Disorder”, per aiutare tutte le persone che soffrono del disturbo alimentare Binge Eating a guarire facendo appello alla propria forza interiore. Vive tra Canarie, Spagna e Italia. Per saperne di più: www.melaniaromanelli.com. Scopri di più su Melania!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Buona Navigazione 😉