Visual Storytelling

Visual Storytelling: un nuovo lavoro poco conosciuto (e bellissimo).Raccontare storie con le immagini: perché ho scelto di farlo e perché potrete farlo anche voi.

 

INDICE

 

Da bambina ho sempre amato le storie. Prima le favole della buonanotte, poi i libri, poi i cartoni animati, specie quelli che rappresentavano situazioni vicine alla realtà con personaggi verosimili, per continuare con le serie tv e il cinema. E cosa mi affascinava sempre? L’evoluzione della storia e dei personaggi, la capacità della narrativa di raccontare le persone in ogni singolo momento, un cambiamento d’umore, un’espressione del volto, un cambio di prospettiva.

Ecco perché mi sono sempre rifugiata nella scrittura per raccontare: perché la carta ti consente di mettere nero su bianco impercettibili momenti. Eppure, anche un’immagine o un video possono farlo. Anzi, a giudicare dal pubblico di contenuti online

a volte un’immagine o un video valgono più di mille parole.

Se le persone leggono sempre meno, ciò non vale per la costruzione di narrazione visuale in molti ambiti lavorativi, nei quali il video storytelling è essenziale.

 

visual-storytelling-melania-romanelli

 

Visual Storytelling: cos’è e come si lavora con le immagini

 

Visual Storytelling o Visual Narrative: sono due termini in inglese che tecnicamente significano “narrazione visiva” (o anche narrativa visiva), ovvero una storia raccontata principalmente attraverso l’uso dei media visivi. La storia può essere raccontata usando fotografie, illustrazioni o video, e può essere migliorata con grafica, musica, voce e altro audio.

La realtà è che il termine ‘Visual Storytelling’ è piuttosto nuovo. Guardando Google Trends, negli ultimi 15 anni il termine ha raccolto meno di 100 ricerche al mese, ed è solo negli ultimi 5 anni che il termine sta vivendo una crescita, seppur ancora modesta.

Ecco perché mi è sembrato importante avvicinarmi a questa nuova pratica di raccontare, essendo io un’amante dello storytelling fin da bambina.

 

Visual storytelling: raccontare con le immagini

 

Vediamo dove questa tecnica essenziale per il funzionamento del marketing viene impiegata oggi. Ogni settore ha bisogno di una narrazione visuale per parlare al suo pubblico di riferimento.

Il Visual Storytelling, infatti, è una strategia di marketing che sfrutta narrazioni avvincenti, mettendo il cliente al centro della storia, vivendo un’esperienza visiva emotiva e distribuita efficacemente lungo il percorso di acquisto, al fine di potenziare la vita dei clienti e generare risultati di business.

Ciò significa che, al fine di limitare la confusione, devi essere il più chiaro possibile ed entrare in risonanza con il tuo pubblico.

Come marketer devi far diventare il pubblico l’eroe della tua storia, affrontando prima i suoi bisogni, non i tuoi.

Perché? Perché siamo nella società dei sogni, basata sull’emozione, in cui i clienti danno per scontata la funzionalità dei prodotti e prendono decisioni di acquisto in base a quanto ritengono che un prodotto possa offrire loro esperienze positive.

Al di là del prezzo, dunque, la leva da tirare è emotiva.

E per metterla in atto basta solo comprendere i bisogni del pubblico e rispondere nella maniera più emotiva ma autentica possibile.

La chiave è l’esperienza. Le aziende che vendono esperienze piuttosto che le funzioni di prodotto o servizio ricorrendo allo storytelling sono, del resto, le più premiate con l’attenzione del pubblico. Un grande esempio è Apple. Alcuni di noi possiedono dispositivi IPhone 8 o X o i nuovi iphone 2019 (i nuovi iPhone Xs, Xs Max e XR) che funzionano perfettamente bene, ma a prescindere da questo quello che scegliamo è la storia che raccontano. Un’esperienza condivisa con persone simili a noi, che ci ispira ad acquistare anche il nuovo modello per rimanere sempre al passo con i tempi. Questa corsa a vivere sempre il momento presente è proprio l’esperienza unica che storia di Apple ispira al suo pubblico.

visual-storytelling-melania-romanelli3

 

Narrare con le immagini: i lavori migliori

 

Se siete delle persone che lavorano in proprio, cercando i clienti durante le occasioni mondane, la cosa più importante è sapervi vendere, sapervi raccontare: fare Personal Storytelling.

Raccontarsi personalmente, cercando di parlare di sé, di raccontare la propria storia, le proprie giornate è l’unica maniera per agganciare le persone, creando un valore aggiunto e rendendo la nostra storia qualcosa alla quale le persone possono legarsi e con la quale identificarsi. E ciò è sempre più vero con l’esplosione consolidata dei social media, che ci consentono di raccontarci e raggiungere un pubblico molto ampio.

Se invece lavorate per un’azienda è importante ricorrere e promuovere il Brand o Corporate Storytelling, ovvero il racconto per immagini della storia del brand, ciò che c’è dietro e ciò che vale la pena far conoscere ai clienti per farli entrare passo dopo passo nel mondo dell’azienda stessa. Raccontare la nascita di un nuovo prodotto, un dietro le quinte, l’esperienza di un dipendente, sono tutti metodi efficaci per aumentare il coinvolgimento, l’engagement per dirla con linguaggio tecnico, degli utenti, che vi premieranno in click sul sito web, permanenza e anche visualizzazioni e like sui social.

Un ulteriore metodo che mi ha sempre appassionato è lo Storytelling Photography, ovvero il narrare sì per immagini ma statiche, quindi senza il ricorso a video in movimento. Le fotografie possono davvero raccontare mondi ed emozioni con un solo scatto, e la bravura di un fotografo e di uno storyteller è esattamente quella di far entrare le persone dentro il mondo narrato come se fossero protagonisti in prima persona.

 

Fare visual storytelling su Instagram: perché è fondamentale

 

Uno degli strumenti per i quali lo storytelling è essenziale oggi è Instagram, il social network che ormai (in America) ha superato Facebook in quanto a coinvolgimento dei ragazzi sulla sua piattaforma. Instagram è storytelling allo stato puro, ecco perché autenticità e avere qualcosa da dire è essenziale per poter guadagnare visibilità, appassionare tante persone e venir premiati dalla piattaforma stessa.

È possibile fare Visual storytelling con Instagram seguendo alcune regole base.

  • L’essenziale è capire bene la piattaforma e gli strumenti che mette a disposizione, a partire dalle stories, che sono oggi la vera punta di diamante per farci vedere da tantissime persone in giro per il mondo. Creare una story accattivante, originale, utile, è fondamentale per essere identificabili con un certo stile unico e per fare in modo che la piattaforma ci premi in visibilità, contatti e ricerca organica.
  • Fai innamorare il tuo pubblico. Story of me: il mio progetto di visual storytelling.

Lavoro come visual storyteller da qualche anno e mi è capitato di rimanere folgorata dalla reazione delle persone quando consegnavo loro il frutto del mio lavoro.

Cosa faccio esattamente?

Costruisco storie partendo dalle persone: raccolgo fotografie che scatto personalmente in diversi momenti della giornata o dopo un lavoro di qualche giorno e collego poi il tutto con una storia scritta e un breve cortometraggio. Dalla passione per le persone è nato il progetto Story of Me: interviste e racconti di persone in giro per il mondo, consegnando a chi ci segue piccoli pezzi di storie: micro-video, racconti, fotografie oggetti.

Ogni persona è un mondo da scoprire e che vale la pena raccontare.

Se vuoi che racconti la tua storia non devi far altro che chiamare!

 

visual-storytelling-melania-romanelli4

 

Come fare visual storytelling su Instagram: le strategie vincenti

 

Ci sono delle regole da seguire per fare un Visual Storytelling su Instagram che verrà ricordato! Eccone alcune: 

  1. CREA UNA STRATEGIA

Definire obiettivi specifici che è necessario raggiungere attraverso la narrazione visiva è fondamentale per raggiungere dei risultati nel breve e nel lungo periodo, perché a seconda degli obiettivi cambia anche il modo con il quale comunichiamo.

Determina ciò che è unico nel tuo brand o prodotto oppure personaggio e come prevedi di condividerlo con le immagini visive. Sviluppa temi o trame per andare con i tipi di immagini o video che desideri condividere. Cerca e impara dagli esempi di altri marchi che usano Instagram in modo efficace.

Uno degli strumenti di Google per vedere le immagini più popolari condivise su Instagram in un dato anno è Bestnines: usalo per determinare le best practice e poi imposta la tua originale strategia

      2. COSTRUISCI IL TUO PUBBLICO

Assicurati di collegare il tuo account Instagram ai profili Facebook e Twitter per aumentare la copertura e la visibilità.

Crea hashtag personalizzati con il nome del brand o del prodotto che promuovi e assicurati di utilizzarli su tutti i tuoi canali social; scelgli gli hashtag migliori a livello di performance seguendo una strategia di tentativi ed errori.

Segui tutti i profili vicini alla tua nicchia e interagisci con loro. Interagisci con altri Instagrammer mettendo tanti like e commentando realmente i loro post.

Tieni traccia del tuo coinvolgimento (creando un account Business collegato ad una pagina Facebook) per vedere quale tipo di post o contenuti funziona meglio per il tuo pubblico.

      3. COSA POSTARE

Poiché Instagram è incentrato sulla narrazione visiva, assicurati di condividere solo immagini di alta qualità: ricordati che a volte basta uno smartphone di ultima generazione per scattare ed editare foto di grande impatto visivo. Assicurati che le immagini che condividi siano ottimizzate per i dispositivi mobili, in modo che i tuoi follower mobili possano utilizzarle. Fai tante storie, specie video. Le persone amano vedere le cose, e cosa meglio di un video? Dai sempre informazioni utili o racconta la tua storia in maniera

      4. QUANDO POSTARE

Anche se ci sono degli orari migliori (per il pubblico italiano ad esempio il marketer Dario Vignali consiglia le ore 10:00, le 14:00 e le 18:00) di interazione, capisci sempre quando la tua nicchia è sui social per impostare una pubblicazione costante e sempre allo stesso orario (per creare una routine di pubblicazione) e consentire alla nicchia stessa di vederti

     5. SE VENDI PRODOTTI

Pubblica entrambe le immagini dei tuoi prodotti reali e i tuoi clienti che li utilizzano.

Incoraggia i tuoi clienti a condividere immagini simili con te. Pubblica immagini che mostrano come utilizzare i tuoi prodotti. Prendi in considerazione la pubblicazione di immagini che mostrano dove e come sono realizzati i tuoi prodotti. Crea un passaparola accennando a imminenti nuove uscite o incentivi speciali. Aumentare il coinvolgimento ospitando concorsi.

 

Hai un progetto di visual storytelling per Instagram o per la tua azienda?

Contattami per una consulenza!

 

logo-Melania-Romanelli